La mia storia

Un seme di speranza

Rieccomi.

Ho passato dei giorni con il fiato sospeso, per questo non ho più pubblicato aggiornamenti sul blog. In realtà, non avrei saputo cosa scrivere.

Sesamino ci ha giocato uno scherzetto… Ah, scusate, un passo alla volta. Chi è ‘sto Sesamino, dite?

E’ il nome che ho dato al bimbo. Per ora, intendo… Almeno finché non si saprà se è maschio o femmina. Il nome, quello vero, è già pronto e deciso da anni.

Per il momento, comunque, il bimbo si chiama così. Come mi è venuto in mente un nome del genere?
Beh, qualche giorno fa ero su internet a spulciare, finalmente con il sorriso, tutti i diecimila siti che parlano di mamme e gravidanza. E così ho scoperto che, nella settimana di gravidanza in cui mi trovo (la quarta e qualche giorno, se non ho capito male bisogna calcolare le settimane a partire dal primo giorno dell’ultimo ciclo), l’embrione è grosso come un seme di sesamo. Quindi mi è venuto naturale chiamarlo Sesamino. Anche se marito si sbaglia in continuazione e continua a chiamarlo Garofalino. Vabbé.

Come dicevo, Sesamino ci ha fatto preoccupare. Anzi, mi ha fatto preoccupare, perché Marito era molto più tranquillo di me.
Lunedì, 14 pt, ho fatto il terzo dannato esame delle beta. Risultato: 670 e qualcosa
Non mi sembrava un gran numero. Secondo i miei calcoli il valore doveva essere un pochino più alto. Ho cominciato subito ad agitarmi, ad andare in paranoia, come al solito.
Marito, invece, sembrava tranquillo e mi sono inca##ata perché non riusciva a stare dietro ai miei calcoli. Gli ho pure fatto un grafico, ma niente. UFF.

Il centro PMA ha confermato le mie paure. Al telefono l’infermiere, dopo essersi confrontato con la ginecologa, mi ha detto che il valore non era ottimo, e dovevamo sperare che si alzasse, altrimenti… Altrimenti.
Secondo lui al 14 pt il valore delle beta deve essere almeno 1.000. Mi ha consigliato di rifare le beta giovedì, cioè oggi. Naturalmente non ce la facevo ad aspettare tanto e le ho fatte ieri.

Vi lascio immaginare come ho trascorso gli ultimi giorni.
Ho pianto. Più di una volta. Lo so, ancora non era detta l’ultima parola, non c’era motivo di disperarsi, ma… Volevo piangere, e l’ho fatto. Volevo prepararmi al peggio. Cominciare a buttar fuori il dolore in attesa di una brutta notizia che forse sarebbe arrivata, o forse no. Ma magari sì.

Marito ha passato ore ed ore sui forum di CUB e AlFemminile. Ormai è diventato un esperto di beta, crampi alle ovaie, muco, e chi più ne ha più ne metta. Sigh. Forse preferivo quando diceva che solo gli scemi prendono le informazioni da questi siti. Vedrete che presto diventerà un “forumino”. Potrebbe finire il mondo, quel giorno.

Comunque, Marito ha cercato di consolarmi in tutti i modi. In effetti, leggendo su internet le storie delle donne che ce l’hanno fatta e confrontando i loro valori con i miei, ho scoperto che le mie beta erano perfettamente in linea. Nessuna aveva un valore di 1.000 o più al 14 pt.
Io, però, non riuscivo a stare serena. Marito dice che, finché c’è una minima speranza, non bisogna arrendersi.
Invece, io dico che, se c’è anche un solo motivo per disperarsi, è il momento di iniziare a piangere!

Ieri mattina ho fatto l’ennesimo prelievo del sangue. Marito è andato a ritirare le risposte delle analisi dopo poche ore. Quando mi ha chiamato per darmi il risultato, per poco non sono svenuta. Avevo il cuore in gola, letteralmente.
“Sesamino… Non sei stato nominato!” mi ha detto, non appena ho alzato la cornetta.
Io, presa dall’ansia, non ho capito subito la colta citazione, Marito ha intuito che non era il momento di scherzare e finalmente mi ha detto IL NUMERO.
Risultato: 1589
Quando ho chiamato l’ospedale, naturalmente, erano più che soddisfatti e mi hanno persino detto che posso smetterla di fare le beta (ma penso che un ultimo prelievo lo farò lo stesso, tra qualche giorno…).

Mi hanno fissato la prima ecografia per giovedì prossimo, 3 aprile.
Inutile dire che aspetto quel momento con trepidazione e ansia.

Non so cosa si potrà vedere. Ho la speranza di riuscire a vedere Sesamino e sentire il suo battito, ma forse è troppo presto. Su internet ci sono pareri discordanti. C’è chi dice che la prima eco vada fatta verso la sesta settimana, chi dice che è meglio verso l’ottava o, adirittura, la decima… (sì, e nel frattempo io muoio!).

Insomma, non so cosa accadrà. Mi sento come quando da piccola andavo sull’altalena. Io volevo sempre strafare, essere migliore degli altri bambini, così mi spingevo in alto, altissimo, fino quasi a fare un giro completo…!
Ecco, ora mi sento proprio così. Un momento mi sento in Paradiso, quello successivo all’Inferno… O, semplicemente, nel mondo mediocre che ho conosciuto finora.

Ho voglia di festeggiare. Voglio che le prossime settimane passino il più velocemente possibile. Voglio uscire dal terribile primo trimestre per poter, finalmente, festeggiare come merito, come si merita Marito e come si merita pure Sesamino.
Ho voglia di ridere. Di rispondere “Bene!” con allegria sincera quando qualcuno mi chiede: “Come stai?”, e non ringhiare un “Bene” poco sincero e colmo di incazzatura che nessuno può capire.

Ho voglia di liberarmi del dolore della maternità mancata che negli ultimi anni mi ha a poco a poco divorato, manco fossi un maglione lasciato alla mercé delle tarme.

Ho voglia di essere felice.
Senza se e senza ma.

Sono consapevole che nella vita ci saranno sempre dei drammi da affrontare, lutti da elaborare, dolori da sopportare. Che non esiste la felicità totale, spensierata. Perché, in fondo, se non conoscessimo la sofferenza, non sapremmo neppure distinguere la gioia, quando essa arriva.

Ma questo dolore che ho conosciuto negli ultimi anni, io non voglio più sopportarlo. Non voglio più sentirmi vuota.
Voglio affrontare il resto della mia vita, le sue gioie e i suoi dolori, con una famiglia completa. Quella che non ho mai avuto. Che merito di potermi costruire.

Vorrei avere il telecomando di Adam Sandler ne “Cambia la tua vita con un click”.

Intanto, un primo traguardo l’ho raggiunto.
Oggi inauguro una nuova categoria del mio blog. Gravidanza.
Speriamo di continuare a utilizzarla per i prossimi otto mesi e un po’.

Sesamino, non fare scherzi.

Annunci

34 thoughts on “Un seme di speranza

  1. Sempre meraviglioso quello che scrivi…
    e come direbbe Garofalino….
    ” …Io mi siedo e aspetto
    che un angelo guardi il mio destino
    loro conoscono
    i posti dove andremo
    quando saremo vecchi e coi capelli grigi
    perché mi hanno detto
    che la salvezza fa aprire le loro ali
    così quando io sono disteso nel mio letto
    i pensieri scorrono nella mia testa;
    io sento che l’’amore è morto,
    ed invece mi sto innamorando di un angelo…”

  2. viva sesamino e la sua mamma e il suo papà. so cosa provi, perfettamente e ti auguro davvero che finisca in modo diverso dal mio….un bacione

  3. Sesamino concentrati! Sesamino non ci distraiamo. Forza.
    Eva, le eco si fanno prima quando si fa la fivet, per controllare le ovaie e l’iperstimolazione eventuale. Quindi di conseguenza si può vedere prima il puntino. Un bacio

    1. Grazie x l’info! È tutta sera che navigo per i forum cercando di capirci qualcosa ah ah! Da quello che ho letto il battito si potrebbe sentire! 🙂

  4. Ciao, io ho fatto il transfert il 14/10. Ho fatto la prima eco il 07/11 perchè ho avute delle perdite ematiche abbondanti ma il battito non te lo fanno sentire perchè è pericoloso (dicono). L’eco ufficiale l’ho fatta il 12/11 e li ho scoperto di essere veramente incinta. Prima si vedeva solo la camera gestazionale. Ora sono di 26 settimane. In bocca al lupo!

  5. ti faccio tanti incroci… goditi questo momente dove non ti senti piu vuota. ti invidio tanto ,la natura umana é bella xke c permette di rinascere e di riamare la vita anke dopo tante sofferenze…

  6. Il seme della speranza. Forza Sesaminoooo! Io lo chiamavo fagiolino. Ora pesa 6 kg. 😀
    Sappi che intorno alla sesta settimana difficilmente vedrai più della camera gestionale, riesci ad aspettare l’8°? Anche se immagino l’ansia!!

    1. Se c’è da aspettare, aspetterò… Ma non è che l’idea mi piaccia molto ah ah 😉 Sono un tipo impaziente, non so se si era capito! Giovedì comunque vado perché mi han fissato loro l’ appuntamento, intanto vediamo che non ci siano problemi! Un bacione al fagiolino che non non è più tanto “ino”!

  7. ciao Eva. io ho fatto la ICSI… l’ho visto la prima volta alla sesta settimana 4 millimetri che già si vedeva il cuoricino battere poi la settimana dopo era 9 millimetri e il cuoricino me l’ha fatto sentire ma giusto pochi secondi perché non va proprio bene così presto… ma sai sanno quello che passiamo è un attimino non fa differenza anzi è quasi un traguardo tanto atteso…. poi ci saranno tante Tappe tutte bellissime fino ad arrivare al momento più magico … goditele tutte è davvero uno stato di grazia la gravidanza! Un abbraccio S.

  8. ….aiuto Eva sei riuscita a farmi piangere in ufficio……
    forza Sesamino concentrato…..perchè hai una grande Mamma e un meraviglioso papà che ti aspettano….

  9. Ciao Eva sono contenta di leggere che procede bene, mi ero un po’ spaventata non vedendo più tuoi post! A me purtroppo è andata male e ci vorrà un po’ per riprendermi ma la tua storia mi da tanta forza e tanta speranza. Ora io e mio marito abbiamo deciso di prenderci un momento di relax e poi a mente più lucida decidere quale strada intraprendere (non è che ce ne siano molte in verità…). Nel frattempo continuo a leggerti e spero di vedere sempre di più post allegri come questo! Un abbraccio

    1. Mi dispiace tanto. Un momento di relax è assolutamente necessario in questi casi. Così poi potrete ripartire ancora più agguerriti, qualsiasi sia la strada che sceglierete. Un abbraccio

      1. Cara Elektra ti capisco sono anch’io nella medesima situazione e purtroppo la mia età non è a mio favore, sono in fase di lento recupero dalla batosta, ti mando un abbraccio….
        Sono felice però che Eva riesce a tenerci su di morale….

  10. Sono molto felice per te e Marito…Io so cosa vuol dire altrimenti.
    Mi consolo dicendomi che forse per noi era troppo presto, che forse stavamo insieme da troppo poco, che se Lui non ha voglia di ritentare forse era solo un attimo di passione ed entusiamo. Non voglio perdere la gratitudine per il grande amore che la vita mi haregalato. Ormai sono grande per essere mamma, ho quasi 39 anni, forse semplicemente, non tutti i bambini riescono a raggiungere le proprie mamme, vivono nel loro cuore.

    1. Il tuo commento mi ha commosso, davvero… Non credo che tu sia grande per essere mamma, ma sicuramente c’è un momento in cui dire “basta”… L’importante è esserene sicuri e decisi entrambi. Un abbraccio

  11. Ciao Eva,
    ti ho scritto su twitter. Ti seguo da tempo, io mi sento molto simile a te perchè sono al mio 4°post transfer e sono al 6°giorno pt fino a ieri seno molto dolente oggi non più e sto iniziando ad entrare nel loop paranoico che mi porta a pensare che sia andata ancora male. Leggo te e mi dai una sferzata di energia e a crederci ancora. Grazie Alessia alias EmmaMorley su twitter. Baci

    1. Io sono la regina della paranoia! Ma, come dice mio marito, bisogna sempre crederci… Soprattutto quando non hai ancora motivo per pensare che sia andata male. Io non sono mai stata brava a seguire questo consiglio, ma tu provaci! E ignora i sintomi, perché vogliono dire tutto e niente. Un abbraccio

  12. Ciao…
    quando avevi scritto di voler rinunciare a provare ad avere una gravidanza, ma di decidere solo per l’adozione, io ero quella che aveva cercato di farti desistere, anche con toni poco consoni. Non potevo credere che a 27 anni rinunciassi a…quello che stai per provare. Credo che più passerà il tempo più capirai.
    Io comunque feci l’ecografia a 6+3 e vidi già l’embrione con il battito, anche se lo potei sentire per la prima volta solo alla decima settimana. So però che a volte alla sesta non si vede ancora niente, ed è comunque normale. Il bello per me non è comunque arrivato alla fine del primo trimestre (anche se il sollievo ci fu!), ma quando ho incominciato a sentirla muovere: allora potevo davvero tranquillizzarmi ed essere sicura che stesse bene. Ti sembrerà lontanissimo, e invece vedrai che il tempo vola.
    Joanne

  13. Che bello leggere queste parole sul tuo blog!!! Dai speranza a tutte noi!!!!! Non vedo l’ora di sapere dell’ecografia!!! Ti auguro con tutto il cuore di goderti fino in fondo questa felicità tanto meritata!!!!! W Sesamino!!!!!!!!!!!!!!!!

  14. sono così felice per te…per voi….guardavo ogni giorno se postavi qualcosa…quanto sono stata felice a leggere le tue beta……sta sera ho raccontato di te a mio marito e la tua storia solo per digli che sei incinta….come si fa a essere felici per una persona che nemmeno si conosce?? si puo si puo perché la gioia di una gravidanza è contagiosa….VI AUGURO IL MEGLIO ❤

  15. Ma che bella notizia che leggo! Finalmente! Ti seguo da un po’ ma non ho mai commentato, ora però ci tengo a farti i miei migliori auguri per un futuro radioso e pieno di felicitá, vedrai che sesamino sta buono buono! Io per entrambe le gravidanza la prima eco l’ho fatta alla settima settimana, perché mi hanno sempre detto che prima è inutile e non si vede nulla, anzi rischio solo di farmi venire un infarto facendola troppo presto, però io non sono donna PMA come dici tu, per cui nel tuo caso credo sia un po’ diverso! Bè attendo fiduciosa bellissime notizie, Evvai!

  16. Ciao Eva, ho scoperto il tuo blog e ho iniziato a leggere di te l’anno scorso a Gennaio, quando stavo per affrontare il mio quarto tentativo di icsi, dopo due fallite con beta negative e una che aveva avuto come esito un aborto all’ottava settimana. Mentre mi immedesimavo nelle tue avventure, io e mio marito avevamo deciso di provare in un nuovo centro, seguendo quello che sentivamo in cuor nostro essere un segno del destino. Oggi, grazie a quel tentativo, ho due gemelli di quasi sette mesi, Eleonora ed Emanuele, i miei miracoli. Ti scrivo adesso, perché ho letto che oggi avevi la prima ecografia, e, per esperienza personale, so che la quinta-sesta settimana può essere presto per poter vedere qualcosa, infatti io la feci alla quinta e mi dissero che, quella che oggi è la mia piccola Eleonora, era “una camera gestazionale che aveva smesso già di crescere” e di Emanuele videro il battito ma dissero che l’ embrione era troppo piccolo. Ricordo che dopo quell’ecografia ho passato uno dei fine settimana più brutti della mia vita piangendo ininterrottamente come una disperata. Da lì a due settimane fu invece chiaro che gli embrioni erano due e stavano bene. In seguito la gravidanza è proceduta benissimo. Questo per dirti che mi auguro con tutta me stessa che oggi tu e tuo marito abbiate avuto splendide notizie, ma, se così non dovesse esser stato, non disperare e credici con tutta te stessa.

  17. Ancora nessuna notizia…aspetto con ansia. Tutti i giorni controllo, ma niente. Spero di leggere presto buone notizie!

    1. Sono viva! E anche Sesamino sembra stare bene! Sono tornata a lavorare e il tempo per scrivere scarseggia… Domani ho un’altra eco, non ho ancora visto l’embrione ma domani mi auguro di riuscirci e di pubblicare un bel post 🙂

  18. evaaa….ci hai fatto stare sulle spine!!! quanto vi ho pensato!!! anche io controllavo tutti i giorni mattino pomeriggio e sera… che ansia!!! forza Sesamino sei ancora minuscolo ma tutte qui ti vogliamo già un gran bene!!

    1. Meno maleee!!! Che paura che ho avuto! Sai…ho fatto la mia terza icsi a marzo e dopo quattro anni di tentativi (naturali e no) finalmente ho il primo positivooo! Il 15/4 ho la prima eco….saro’ di 6+1! Volevo proprio leggere buone notizie per voi! Mi da la forza di pensare positivo…di credere che anche per noi c’é la felicita’!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...