La mia storia

Siamo a metà!

Noi donne PMA siamo abituate a cercare su internet ogni risposta ai nostri dubbi, quando ci vergogniamo di chiedere consiglio al medico (perché, in fondo in fondo, sappiamo che spesso si tratta di domande stupide!) oppure quando certe paranoie ci assalgono in orari strambi, in cui non è possibile telefonare a chi di dovere.

Veniamo investite dal desiderio irrefrenabile di trovare conforto e soluzioni su internet soprattutto durante il periodo post transfer.


Chi di noi non ha mai cercato:

sintomi post transfer
sintomi attecchimento
salire le scale nel post transfer
posso mangiare/bere (inserire nome cibo/bevanda qui) nel post transfer

e via dicendo…?

Bene, vi annuncio che durante la gravidanza nulla cambia.
Le domande sono leggermente diverse, non ci si interessa più all’attecchimento ma alla sopravvivenza del bimbo, ma il livello di paranoia è lo stesso.
Almeno, per me, ma dato che ogni quesito (compreso quello più scemo) che digito su Google mi restituisce migliaia di risultati… Direi che non sono l’unica a nutrire certi dubbi.
Ad esempio, qualche giorno fa ho chiesto a San Google se si possono bere bevande gasate in gravidanza (mi era venuta una voglia di Coca Cola…). Dopo aver letto che queste bevande possono provocare l’aborto (ok, forse un po’ catastrofico, ma così ho letto) mi è passata la voglia.

Visto che oggi sono alla settimana 21+2, quindi ho da poco terminato la prima metà della gravidanza (evvai) ho deciso di farvi un resoconto della mia esperienza di donna in dolce attesa fino ad oggi.
Spero che potrà essere utile ad altre donne panciute, e se posso aiutare/rincuorare una reduce da PMA, ancora meglio!

Per iniziare, qualche statistica:

Numero di ecografie fatte finora: una decina circa, di cui la maggior parte concentrate nei primi tre mesi.
Numero sms inviati alla mia ginecologa per chiederle una visita urgente in seguito a dolori “strani”: Tre (alla settimana 7+5, alla 11+5, alla 20+3)
Corse al pronto soccorso: due, una alla fine del terzo mese e la seconda giusto giusto stamattina.

L’inizio della gravidanza è stato abbastanza normale.
Prima delle beta ho avuto i soliti, noiosissimi, spiacevolissimi dolori pre mestruali.
Ho sofferto di nausee solo per un paio di settimane, poi basta, e so di essere stata fortunata perché alcune donne ne soffrono per tutti i nove mesi.

Ho cominciato a gonfiarmi fin da subito, e ho comprato i primi abiti prémaman a sei settimane, alla faccia di quei siti dove consigliano di aspettare il quinto o sesto mese, per scaramanzia o altre stronzate (ma di questo parlerò in un altro post!).

Ad oggi sono ingrassata di una decina di chili, circa due in più del dovuto (ops). Ho sempre fame, sto cercando di trattenermi dall’ingerire schifezze.
Prediligo pasta e pane integrali, verdure cotte, frutta secca, legumi dato che non mangio carne.

Ogni tanto, soprattutto in coincidenza dei giorni in cui dovrei avere le Malefiche, ho dei dolori al basso ventre, tipo dolori pre mestruali.
Mi è stato spiegato che è normale, ad alcune donne capita (come se il corpo avesse una specie di “memoria del ciclo”, mannaggia a lui), e talvolta questi dolori sono accompagnati da piccole perdite di sangue… Dalle quali, per fortuna, finora sono stata risparmiata, altrimenti al Pronto Soccorso sarei già andata mooolte più volte.

Ho cominciato ad avvertire i movimenti del piccolo da un paio di settimane circa… Quindi intorno alla diciottesima/diciannovesima settimana.
I primi giorni avvertivo delle specie di bolle, uno strano “sfarfallio” nella pancia…
Sapevo già cosa aspettarmi perché, naturalmente, avevo guardato su internet, però inizialmente non ero sicura se fosse Robbie o, piuttosto, l’ammontare esagerato di legumi che mangio a causare quella sensazione 🙂

Con il passare dei giorni la sensazione è diventata sempre più chiara, ora non ho dubbi: quando Robbie si muove, lo riconosco.
Purtroppo, però, ancora non riesco a sentirlo proprio ogni volta che mi tira un calcetto o un pugno. Devo essere molto rilassata, e preferibilmente seduta (a letto o sul divano) per sentirlo.

Lo scorso week end ho avuto dei dolori atipici all’addome… Crampi misti ad una sensazione mai provata prima, come se sentissi un “peso” nel basso ventre.

Indagando su internet, ho scoperto che altre donne hanno gli stessi sintomi in questo periodo della gravidanza.

La ginecologa mi ha visitato d’urgenza, dietro mia richiesta, e devo dire che non era molto felice di vedermi, dato che avevamo programmato la prossima visita per inizio agosto.
Secondo me era una giornata parecchio storta, perché mi ha accolto dicendo: “Ah, ma non ce la facciamo proprio a rispettare i tempi, eh?”
Beh, visto che ogni volta ti pago la bellezza di cento euro, forse dovresti ringraziare il Cielo di avere una paziente così paranoica… Mah!!

La mia ginecologa è un tipo abbastanza particolare. Marito non la sopporta; io, che cerco sempre di trovare il buono in ogni persona, tento di difenderla, ma quest’ultima volta devo dire che pure io sono rimasta un po’ amareggiata dal trattamento ricevuto.

Come dicevo, questa dottoressa è un tipo particolare; utilizza un linguaggio che non definirei propriamente “professionale”.
Non so se si sforzi per essere “alla mano” o se questo è semplicemente il suo modo d’essere.

Secondo la ginecologa, che dalla mia descrizione non ha capito granché, i miei dolori erano contrazioni. Boh. Può capitare già dal quinto mese di averle, e naturalmente bisogna monitorare che non accada troppo spesso, perché altrimenti si rischia un parto prematuro. E bisogna assolutamente evitar di massaggiare la pancia, perché questo gesto, anche se viene naturale, può causare le contrazioni!

Caro Robbie, come dice il tuo papà:

keep calm

La dottoressa mi ha prescritto un integratore, che avevo già preso per qualche giorno un paio di mesi fa per dei dolori simili, a base di magnesio, che dovrebbe distendere l’utero.

Mi ha anche detto di assumere degli ovuli vaginali, in attesa di ricevere le risposte dell’urocoltura per vedere se i dolori erano provocati da una cistite (ora è appurato che non è così).

“Ti prescrivo degli ovuli intanto, non fa mai male disinfettare un po’ la PATATA!”

Testuali parole della dottoressa.
No, non è uno scherzo. Però vorrei che lo fosse!

Comunque, in quel frangente la dottoressa ha deciso di farmi anche una visita ginecologica, oltre all’eco.
Il problema è che è passato un nanosecondo tra quando l’ha annunciato e quando ha inserito con poca delicatezza la mano nella mia – ehm – patata, come direbbe lei, e ha cominciato a tastarmi la pancia con l’altra…
Mi ha colto terribilmente di sorpresa, perciò mi è venuto istintivo mettere avanti le mani come per difendermi. Non l’avessi mai fatto!
Ha cominciato ad urlarmi che dovevo lasciarla fare, che dovevo stare buonina e non rompere… Che momento umiliante, davvero.
Cento euro per essere trattata come una bambina, maledizione.

Tramite l’ecografia la dottoressa ha controllato anche la lunghezza del collo dell’utero, che era perfetta (40 mm e passa) dato che la soglia di rischio è sotto ai 25 mm.
Ho scoperto che il collo può accorciarsi, mettendo a rischio la gravidanza… E’ un evento che si verifica raramente, e al quale si può porre rimedio tramite una pratica chiamata cerchiaggio.
Fino a qualche giorno fa ero totalmente all’oscuro di questa problematica…
Una paranoia in più che mi ossessionerà da qui in avanti!!

Per fortuna dallo scorso week end non ho più sofferto di quegli strani dolori.
Venerdì, finalmente, dopo averla attesa con ansia per un sacco di tempo, Marito mi ha accompagnato a fare la morfologica, da uno degli specialisti che dicono sia il migliore della zona.

L’ecografia è durata una mezz’oretta, ed è stata molto emozionante… Il dottore ha controllato tutto il controllabile, ogni organo è a posto e perfettamente funzionante! Marito prima di entrare era preoccupatissimo, io invece ero abbastanza fiduciosa, strano! Credo abbia fatto la ola ad ogni organo che veniva visionato!

Dietro mia richiesta il dottore ha anche scattato un paio di foto ricordo in 3d, anche se non voleva mostrarmi il bimbo perché mi aveva avvertito che, a quest’epoca, il feto sembra ancora un mostriciattolo… Ma io lo sapevo già (è da due mesi che guardo foto di eco 3d su Google immagini) ed ero pronta a vedere il mio alienino…

Eccolo qua!! 🙂
Oh, per me è bellissimo, però capisco che possa sembrare un po’ uno sgorbietto… Insomma, è ancora un bimbo “under construction”, in fondo!!

wpid-1405875969104.jpg

Venerdì ero molto contenta, tra l’altro al pomeriggio, per festeggiare la morfologica, sono andata al centro benessere a farmi fare un bel massaggio maternity (ho avuto un solo attimo di panico quando la massaggiatrice ha cominciato a spalmarmi l’olio sulla pancia, e io le ho detto di non toccarmi assolutamente lì perché rischiava di farmi partire le contrazioni!!).

Il sabato io e Marito l’abbiamo passato a girare per negozi di articoli per bimbi (trio, culla e sdraietta/seggiolone prenotati e in arrivo a fine settembre – ma pure di questo vi parlerò meglio un’altra volta).

Questa mattina eravamo pronti ad andare a fare un giretto fuori porta, nonostante il tempo non proprio bellissimo…
Ho aperto l’armadio a muro per prendere un borsone sistemato su uno scaffale in alto. Mentre avevo le braccia alzate e protese verso l’alto, cercando di afferrarlo, ho sentito qualcosa di pesante cadermi sulla pancia…
Ho tirato un urlo, e mi sono accorta che mi erano cadute addosso due assi in legno (che erano appoggiate, forse un po’ malamente, in piedi contro lo scaffale) del peso complessivo di, boh non saprei, almeno una ventina di chili…
Ho tirato un altro urlo e ho detto a Marito che volevo andare all’ospedale.
Ok, in realtà non era successo niente di che, non avevo dolori o altro, ma sapevo che se non ci fossi andata avrei trascorso tutta la giornata a preoccuparmi.
Marito, che ormai non sopporta più i miei attacchi di paranoia, mi ha portato al pronto soccorso ostetrico. Tanto il giretto fuori porta sarebbe saltato ugualmente, visto che poco dopo ha iniziato a piovere…
Almeno abbiamo rivisto il pupo, la giornata non è stata sprecata!
Al pronto soccorso c’era di turno una dottoressa giovane, veramente molto gentile e delicata. Io mi sentivo un po’ in imbarazzo, sapevo di essere andata lì per niente, ma lei mi ha rassicurata dicendo che ho fatto benissimo a passare per un controllo e che ci sono donne che si allarmano per molto meno.

“Si sono presentate delle donne spaventate perché dicevano di avere perdite di sangue BLU,” mi ha detto, “Per poi scoprire che era l’assorbente a renderlo di quel colore!”

Era da tanto che non ridevo così, giuro.

Ennesima ecografia (pupo, placenta e collo: tutto ok), altra visita ginecologica, che a me non piace molto, non riesco a distendere i muscoli e sento sempre male, ma la dottoressa è stata veramente gentile e delicata e alla fine sono riuscita a rilassarmi. Insomma, non è poi così difficile avere a che fare con me, basta essere gentili! E non chiamare l’organo genitale femminile PATATA! 🙂

Insomma, questa è stata la mia gravidanza finora, da un punto di vista fisico.
Dal punto di vista mentale, invece…
Ho sempre pensato che la seconda metà sarebbe stata più semplice, ma so che non sarà così. Più il sogno si avvicina alla sua realizzazione, più diventa reale, più ho paura.

E’ un viaggio meraviglioso e terribile al tempo stesso.

Quello che conta, comunque, è raggiungere la meta, non importa quante ecografie farò o quante volte dovrò sentire la parola “patata” o sentirmi urlare dietro dai dottori.

Adesso sono seduta sul divano, e da quando ho iniziato a scrivere il post Robbie sta scalciando (o tirando pugni, chi lo sa) come un matto 🙂
E lui è tutto quello che conta.
Non me ne frega niente di godermi la gravidanza, voglio godermi il mio bimbo quando arriverà.

P.S. Al termine della gravidanza credo che avrò diritto ad una laurea honoris causa in Ginecologia.

Annunci

8 thoughts on “Siamo a metà!

  1. Buon lunedì eva😏 ke bello ke senti il tuo cucciolo! X il fatto della coca cola non credo ke sia un problema. Tante in gravidanze bevono alcolici con moderazione! Io non bevo ma uno strappo alla regola con la coca quando ne ho proprio voglia lo faccio, e il bimbo sta bene! E x la ginecologa mandala a cagare!!! Un bacione

    1. L’alcool è assolutamente da evitare, anche se con moderazione, il fatto che tante donne continuino a bere e a fumare in gravidanza non significa che sia una cosa buona e giusta 😉 Le bevande gasate ho letto che possono favorire l’aborto, io sinceramente preferisco tenermi la voglia piuttosto che rischiare… Anche perché di certo bene la Coca non fa!!!

      1. Ovviamente intendevo coca in grandi quantità… Un sorso ogni tanto ci sta… L’alcool assolutamente no, tutto ciò che ingeriamo noi arriva al piccolo, ricordiamocelo!!

      2. Ahhh…certo!! Anke xke cresce la glicemia e non é sano😝. Attendo i tuoi commenti sugli articoli da bimbo!! Sto già pensando a come ripitturare la cameretta!!! Baci baci

  2. come al solito il tuo post sembra il mio. io sono solo alla 18esima settimana ma su molte cose credo di stare avanti. gabriel lo sento già dalla 14esima settimana, le tette hanno già iniziato a far fuoriuscire il colostro e fanno malissimo si sono deformate.anche io sento quel peso che dici tu e sto prendendo multicentrum materna devo dire che va meglio ma mi succede se magari sto molto in piedi. io farò eco in 3 d a 19 +2 quindi il mio sarà ancora più alieno del tuo .-) ma tanto per noi sono bellissimi già cosi!

  3. Non ho esperienza nel campo, ma penso che sarebbe stata la stessa cosa se anche la mia gravidanza fosse proseguita. La paura non è facile da sconfiggere, ma mi sembra che tu te la stia cavando molto bene.
    Avrai tutta la vita per goderti il tuo bambino, che è già bellissimo!!

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...